22393
post-template-default,single,single-post,postid-22393,single-format-standard,qode-social-login-1.1.2,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.0.4,woocommerce-no-js,select-theme-ver-5.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
sentirsi inadeguati

Sentirsi inadeguati, il mio rimedio

Sentirsi inadeguati è una sensazione che nella vita è comune a molti. Chi si sente inadeguato sta facendo un paragone con gli altri, in modo indistinto e senza reali fondamenti, perché non si sa come agire o perché si è fatto un errore

Oggi vedo spesso nei miei allievi, sopratutto in quelli che iniziano per la prima volta un percorso con me, sentire il peso dell’inadeguatezza. Si sentono inadeguati all’ascoltarsi senza che io indichi esattamente come devono fare o essere. Queste persone mi fanno moltissima tenerezza. 

Spesso durante la lezione guardano gli altri per sapere se fanno giusto o sbagliato.

Una delle sfide più grandi dei miei percorsi è sedersi di “fronte a se stessi”.

Osservarsi senza giudicarsi.

Impariamo questo senso d’impotenza fin da piccoli. Quante volte ai bambini viene detto “Guarda quel bimbo come è bravo, perché non piange o fa quello che dice la mamma!”

Fin dall’infanzia siamo stati abituati a paragonarci agli altri e a perdere il confronto.

Per me e per molti dei miei allievi il Metodo Feldenkrais è stato una palestra a concentrarsi su di sé, a lavorare sulle sensazioni personali e a non considerare cosa fanno gli altri.

Ancora una volta la connessione mente corpo è totale.

Solo portando l’attenzione a cosa si fa bene, scoprendo il piacere e la fluidità dei propri gesti le potenzialità aumentano di conseguenza. Solo accettandosi, è si superano i propri limiti.

Per ognuno di noi l’esperienza è diversa, non ha alcun senso un paragone. Scoprire questo piccolo segreto durante le lezioni dona gioia e libertà.

Rimanere nella frustrazione di non essere capace e sentirsi inadeguati non porta a nulla, nel Feldenkrais e nella vita. È molto più vitale portare l’attenzione a cosa si sa fare e a cosa si può fare.

TIP Quando ci si sente inadeguati, è bene dirsi cosa si può o non si può fare, descrivendo il proprio punto di partenza. Si osserva e si descrive  la situazione: cosa sta accadendo e dove si vuole arrivare. Nel modo più neutro possibile.

Solo così è possibile ridurre le richieste e aspettative esterne e interiori che ci fanno sentire inadeguati e fragili. Si sceglie ciò che è essenziale e si parte da lì. Si comincia con calma. Niente fuochi di paglia!

No Comments

Post a Comment